FOTOGRAFA O VENDITRICE DI FILES?

 

SONO UNA FOTOGRAFA O UNA VENDITRICE DI FILE?

 

Vi racconto la mia E S P E R I E N Z A: In occasione del Battesimo di Ginevra, una domenica mattina mi presento a casa della famiglia  e nell’attesa che tutti fossero pronti per farsi fotografare, gironzolo da un punto all’altro della casa. All’improvviso m’imbatto su una tela appesa al muro che ritrae la piccola Ginevra quando aveva pochi giorni. Il Servizio fotografico era stato fatto nel mio studio sei mesi prima, e con i file che avevo consegnato ai genitori, era stata fatta stampare la tela.

Ho sentito un C O L P O al cuore. Non era l’immagine che ricordavo. In un solo attimo ho capito che tutto il mio lavoro accurato, sia nello scatto, che nella elaborazione era stato gettato via per colpa di una stampa mediocre, sicuramente venduta a buon mercato. Se quell’immagine fosse stata vista da un fotografo ? O da un intenditore? Come avrebbero giudicato quello scatto?

Ombre troppo P R O F O N D E

Incarnati troppo M A G E N T A

Colori  troppo  S A T U R I

Un vero D I S A S T R O.

La maggior parte dei clienti purtroppo, essendo profana in materia fotografica, non se ne rende conto, anzi trova la sua/mia  foto, fatta stampare da un Minilab o da un laboratorio online, così bella da appenderla su una parete della propria casa, come fosse  un’opera d’arte.

Ma l’occhio esperto di un fotografo si accorge subito che quell’immagine di un’ opera d’arte non ha proprio nulla.

 

So benissimo che questa scelta della clientela viene dettata dal risparmio,  circa il 50%  in meno di quanto spenderebbe presso il mio Studio. Ma la domanda è:  N E  V A L E  L A  P E N A ?  Vi assicuro no.

Se volete risparmiare su un qualcosa di così importante  come U N  P E Z Z O D E L L A  V O S T R A   S T O R I A, allora risparmiate dall’inizio, quindi anche sulla sessione fotografica, perché altrimenti non ha senso. È la stessa cosa di scegliere un bravo S T I L I S T A, perché amate le sue creazioni, e poi acquistate una S T O F F A mediocre per risparmiare.

 

Queste molteplici delusioni nel vedere le mie foto deturpate da una stampa mediocre e commerciale, mi hanno portato a prendere una decisione D R A S T I C A.

Tanta passione, lavoro, fatica per avere questi risultati?

Avere lo Studio sempre più pieno d’appuntamenti perché nei miei pacchetti offro i file stampabili?

Questo è quello che voglio? Dimenticare perché ho scelto questa professione?

Perché io ho scelto questo lavoro artistico perché amo le Fotografie, le Stampe, la Carta Fotografica…..

Quindi ho D E C I S O ! Preferisco avere meno clienti e poter dare di più a ognuno di loro.

Dal  2019 offrirò ai clienti, che si affideranno a me per una Sessione fotografica, la possibilità di scegliere fra  i vari scatti quelli che vorranno ricevere stampati, che sia su un album o su carta non importa, ma sicuramente non potranno acquistare i file, che verranno consegnati solo con la corrispettiva stampa.

“La S T A M P A  (P R O F E S S I O N A L E  o  F I N E  A R T) +  il File”

La Stampa professionale è l’epilogo di tutto il processo lavorativo, non importa se prima di darla al cliente dovrà essere stampata più volte finché non avrà raggiunto il massimo della sua potenzialità. Il mio Cliente ideale, avrà il Top.

Il mio Cliente, sarà colui che mi ha scelto perché si fida di me, che sa che voglio solo il meglio per lui, a cui piace la mia visione artistica, a cui sono simpatica, che quando viene nel mio Studio si sente a suo agio come se stesse a casa sua, che apprezzi i miei consigli quando lo rendo attento nella scelta dei materiali, che metta il mio tempo a disposizione per fargli vedere una simulazione di come starebbe una tela sulla parete della sua casa prima di fargli spendere dei soldi. Sa che questa sarà una scelta P R O F E S S I O N A L E e non C O M M E R C I A L E.

La mia professione mi piace perché racchiude tanti mestieri in uno:

Scenografia

Fotografia

Puericultura

Consulente

Styling

Grafica

Arredatrice

Stampatrice

Artista

e li amo tutti….

Sono sicura che anche questo mio nuovo percorso, porterà i miei clienti a conoscere meglio e apprezzare i vari aspetti della

F O T O G R A F I A.

Comunque per concludere una cosa è certa, il fotografo completa il suo lavoro quando consegna la fotografia, non il file. La stampa dell’immagine è la prova che il lavoro è stato fatto a regola d’arte. Il fotografo garantirà la professionalità della stampa destinata a durare più di quanto dureremo noi…..

…una stampa esposta vi  E M O Z I O N E R  À ogni volta che ci poserete gli occhi, senza dover accendere il computer e cercarla.

 

 

 

 

 

 

One thought on “FOTOGRAFA O VENDITRICE DI FILES?”

  1. Ciao, ho letto con attenzione il tuo articolo, condivido e apprezzo molto il tuo pensiero e le tue conclusioni, le trovo giuste ma in particolare coraggiose. Forse la domanda più importante non è cosa “si vende” ma cosa creiamo e per quale motivo lo facciamo e se le persone a cui ci rivolgiamo hanno capito la differenza. Molti dei fotografi che consono devono portare a casa la pagnotta e spesso devono scendere a compromessi per avere un loro mercato, in questo modo i loro lavori si spostano, o meglio la percezione dei loro lavori, si sposta da una visione di opera d’arte a qualcosa di più fruibile e commerciale. Quando questo avviene il fotografo diventa automaticamente un creatore di prodotti che deve vendere e contemporaneamente la parte artistica viene spodestata e sottovalutata, è un circolo vizioso insomma che spesso porta esattamente alle conseguenze che hai esaustivamente spiegato.

    Il punto fondamentale e quanto il fotografo è disposto a scendere a compromessi e quanto questo influisce sul suo mercato. E’ un legame inscindibile e di difficile gestione.
    Apprezzo quindi la tua decisione perchè stai spostando il fulcro delle tue creazioni sull’aspetto artistico, e questo avrà inevitabilmente un costo non solo monetario.
    Il mio augurio quindi è quello che anche i tuoi clienti capiscano questa cose e che continuino a seguirti nelle tue creazioni, considerando sempre di più il lato artistico.
    Saluti cordiali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *